LA CERTIFICAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ E DELL’IMPATTO AMBIENTALE DEGLI EDIFICI

Progettare senza perdere di vista il benessere

Durante la fase di progettazione sarebbe preferibile evitare di concentrare tutta l’attenzione sulla riduzione dei consumi energetici, perdendo così di vista il benessere degli occupanti. È inoltre di fondamentale importanza che la progettazione dell’edificio tenga conto dell’ambiente in cui verrà inserito e dell’impatto che su di esso determinerà.

Per questo motivo sono nati alcuni programmi di certificazione degli edifici che comprendono la sostenibilità ambientale e il benessere degli occupanti e che, pur essendo di natura volontaria, si stanno diffondendo anche in Italia destando interesse nel campo dell’edilizia e promuovendo l’utilizzo di nuovi prodotti.

  • Certificazione LEED®
  • Certificazione GBC Historic Building®
  • Certificazione GBC Home®
  • Certificazione CasaClima® NATURE
  • Certificazione CasaClima® ClimaHotel
  • Living Building Challenge
  • Certificazione WELL


     

    CERTIFICAZIONE LEED®

    IL SISTEMA DI VALUTAZIONE INTERNAZIONALE DELLA SOSTENIBILITÀ EDILIZIA

    La Certificazione LEED (Leadership in Energy and Environmental Design) è un sistema volontario per la progettazione, costruzione e gestione di edifici sostenibili e aree territoriali ad alte prestazioni proposto dalla U.S. Green Building Council.
    Il sistema è valido in ambito internazionale ed esiste in diverse forme (per le nuove costruzioni, per l’esistente, per le aree urbane, ecc.).

    La valutazione della sostenibilità edilizia LEED avviene tenendo conto dell’intero ciclo di vita dell’edificio, dalla fase di progettazione a quelle di costruzione, esercizio e demolizione.

    Gli standard di certificazione disponibili sono cinque:

  • Building Design + Construction
  • Building Operations + Maintenance
  • Interior Design + Construction
  • Homes
  • Neighborhood Development

     

GBC HISTORIC BUILDING®

LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA PER GLI EDIFICI STORICI

GBC Historic Building è un protocollo di certificazione volontaria del livello di sostenibilità degli interventi di restauro, riqualificazione, recupero e integrazione, anche parziale, degli edifici storici. Requisito per accedere al GBC è che l’edificio costituisca “testimonianza materiale avente valore di civiltà” e che sia stato costruito integralmente, o almeno per il 50 per cento, prima del 1945.

Il protocollo si applica nel caso di ristrutturazioni importanti, che coinvolgono in modo rilevante il rinnovo degli spazi, gli impianti di climatizzazione ed eventualmente l’involucro edilizio, ferma restando la salvaguardia delle caratteristiche dell’edificio.

Il sistema di verifica GBC Historic Building misura la sostenibilità dell’edificio secondo le aree tematiche che caratterizzano i rating system LEED®/GBC e ne aggiunge una specifica dell’ambito conservativo:

  • Valenza storica
  • Sostenibilità del sito
  • Gestione delle acque
  • Energia e atmosfera
  • Materiali e risorse 
  • Qualità ambientale interna
  • Innovazione nella progettazione
  • Priorità regionale

[Fonte: www.gbcitalia.org]


 

GBC HOME®


LA CERTIFICAZIONE VOLONTARIA PER GLI EDIFICI RESIDENZIALI

GBC Home è un sistema di valutazione sviluppato per il mercato residenziale italiano, che però include sia uffici e attività commerciali, sia agriturismi ed edifici ricettivi fino a cinquanta posti letto.

In particolare, GBC Home si applica agli edifici di piccole e grandi dimensioni, dagli edifici monofamiliari ai condomini fino a dieci piani, che possono includere anche una piccola porzione non destinata a uso residenziale.

GBC HOME è stato sviluppato prendendo spunto dal protocollo LEED e promuove la salubrità, la durabilità, l’economicità e le migliori pratiche ambientali nella progettazione e nella costruzione degli edifici.

Il sistema di valutazione è organizzato in categorie ambientali:

  • Sostenibilità del sito 
  • Gestione delle acque
  • Energia e atmosfera
  • Materiali e risorse
  • Qualità ambientale interna
  • Innovazione nella progettazione
  • Priorità regionale

I livelli di certificazione di GBC HOME sono quattro e dipendono dal punteggio conseguito: Base 40-49
Argento 50-59
Oro 60-79
Platino ≥ 80

[Fonte: www.gbcitalia.org]


 

CASACLIMA® NATURE


UNA CERTIFICAZIONE AD AMPIO RAGGIO

CasaClima Nature è un protocollo di certificazione degli edifici promosso dall’Agenzia CasaClima di Bolzano che prende in considerazione non solo i consumi energetici, ma anche l’impatto sull’ambiente e sulla salute e il benessere delle persone che ci vivono. CasaClima Nature introduce una valutazione oggettiva dell’ecocompatibilità dei materiali e dei sistemi impiegati nella costruzione e dell’impatto idrico dell’edificio.

Eurotherm, come partner CasaClima, propone dei sistemi che possono rientrare nella certificazione Nature.


 

CLIMAHOTEL E CASACLIMA® WELCOME


LE CERTIFICAZIONI PER LE STRUTTURE RICETTIVE SOSTENIBILI

Le certificazioni ClimaHotel e CasaClima Welcome hanno l’obiettivo di evidenziare quelle strutture ricettive che contribuiscono con successo ad uno sviluppo sostenibile sia attraverso l’integrazione di tecnologie innovative e sostenibili sia con strategie di gestione. Alla base della sostenibilità ci sono l’ecologia, l’economia e aspetti socio-culturali. La sostenibilità viene vissuta concretamente e resa visibile anche all’ospite, rendendolo così consapevole dell’impegno dell’albergo in questa direzione.

ll Theiner’s Garten Bio Vitalhotel, a Gargazzone, è stato il primo edificio a ricevere la targhetta ClimaHotel. Eurotherm ha contribuito a questo successo mettendo a punto un sistema radiante a parete completamente ecologico.


 

LIVING BUILDING CHALLENGE TM


LO STANDARD DI SOSTENIBILITÀ PIÙ RIGOROSO AL MONDO

Il protocollo internazionale Living Building Challenge è lo standard di sostenibilità degli edifici e delle comunità più rigoroso al mondo. È sviluppato e promosso dall’International Living Future Institute (ILFI), un’organizzazione ambientale non profit impegnata a catalizzare la trasformazione verso comunità che siano socialmente giuste, culturalmente ricche ed ecologicamente ristoratrici.

Living Building Challenge è al tempo stesso una filosofia, un protocollo di certificazione della sostenibilità e uno strumento di sostegno ambientale per progetti che non vogliono semplicemente ridurre il loro impatto, ma azzerarlo diventando una risorsa positiva per l’ambiente e la comunità. Per questo la certificazione si basa sulle prestazioni reali degli edifici, piuttosto che ipotetiche o derivanti da un modello di calcolo.

Include sette categorie prestazionali, a loro volta suddivise in venti Imperativi, ognuno dei quali è focalizzato su un ambito specifico.

  • Luogo
  • Acqua
  • Energia
  • Salute & Felicità
  • Materiali
  • Equità
  • Bellezza

[Fonte: protocollo Living Building Challenge 3.1]


 

WELL BUILDING STANDARD TM

LA CERTIFICAZIONE DI SALUBRITÀ E BENESSERE PER CHI VIVE GLI AMBIENTI

Il WELL Building Standard (WELL) è il nuovo protocollo internazionale appositamente studiato dall’ente statunitense International WELL Building Institute (IWBITM), per certificare il livello di salubrità e di benessere di chi occupa gli ambienti. Si basa sulla misurazione, la certificazione e il monitoraggio di tutti gli aspetti dell’edificio che possono avere un impatto sulla salute e sul benessere.

Lo standard WELL è pensato soprattutto per le aziende, dove è più frequente investire sul benessere della persona perché è più facile dimostrare il ritorno economico di tali investimenti. Infatti, le aziende più virtuose potrebbero realizzare degli ambienti di lavoro più salubri e confortevoli, ottenendo di riflesso un aumento della produttività dei propri collaboratori. Ma IWBI sta lanciando progetti pilota anche in ambiti differenti, come condomini, unità commerciali, scuole e ristoranti.


 

Utilizziamo cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile e cookie di terze parti per inviarti informazioni basate sulle tue preferenze. Se continui a utilizzare il nostro sito o chiudi questo banner, acconsenti all'utilizzo dei cookie come illustrato all’interno della nostra Cookie Policy. Puoi consultare la nostra Cookie Policy e capire come disattivare i cookie (c.d. opt-out) cliccando qui.